Gameti faceti

Nel passatempo senza tempo del Uomo e donna: trova le differenze! possiamo annoverare la diversa modalità di produzione e stoccaggio dei gameti. Cosa mai siano i gameti è presto detto: ovuli e spermatozooi. Gameti da gamein, unire. Non ci piove: se questi si incontrano scatta un abbraccio alla Fabio Grosso Germania 2006.

La donna quando nasce ha la sua saccoccia di ovuli già confezionati all’interno delle sue ovaie. É carica come un dispenser di sapone. Li produce quando ancora si trova nel grembo della madre. Dopotutto di tempi morti, in nove mesi, hai voglia trovarne.

Organizzata e con l’agenda alla mano anche tra un ripiegamento di foglietti embrionali e l’altro, decide di portarsi avanti e inizia a produrre i suoi ovuli.

Ne mette in cantiere tra i 600.000 e i due milioni. A questo punto loro se ne stanno buonini fino all’adolescenza, congelati come il pane precotto del supermercato, e la comparsa della prima mestruazione annuncia che il processo è ripartito, hai sparato il primo proiettile di fecondità. Da lì in poi, ogni mese circa, ne scongeli uno nel microonde e via.

La donna si presenta quindi alla sua maturità sessuale con un paniere pieno di uova.

Nel corso del tempo alcune di queste uova andranno perse, si deterioreranno, dalla prodigiosa scorta di partenza ne arriveranno al traguardo circa 500.

La carriera di infaticabile gallina ovaiola della donna prosegue fulgida fino al meritato riposo che sopraggiunge con la menopausa.

Ma per l’uomo invece come funziona? A fronte di una donna formica che ammonticchia con cura le proprie provviste genomiche, il feto maschio si dimostra essere una cicala procrastinatrice. Se li gode quei nove mesi di pisolini e pasti pronti, ci penseremo poi, si dice.

La spermatogenesi infatti, che avviene nei testicoli, inizia alla pubertà.

Quando il maschio raggiunge la maturità sessuale si mette le mani in tasca e aggrotta le sopracciglia perché ha la netta sensazione di essersi dimenticato qualcosa.

Sì, bél! Ti stai dimenticando di fare la tua parte per garantire la prosecuzione della specie.

E allora via, presto, bisogna porre rimedio. Un lavoro più approssimativo perché si sa, lo diceva sempre mia nonna, fretta e bene non stanno insieme.

Alla fine di questo processo otterremo suppergiù un 80% di spermatozoi prestanti, pronti a scattare dritti alla meta, e un 20% di bislacche creature a due teste, due code, testa troppo grande, testa troppo piccola, nati stanchi che proprio guarda oggi non è giornata andate pure avanti voi che poi magari vi raggiungo.

Tra l’altro, una vita a esser derise perché le donne vanno in bagno in coppia, e guardateli i nostri ovuli che a fieri balzi si fanno tutto il road trip ovulo-endometrio in solitaria, mentre gli spermatozoi Guarda! Si muovono in branchi….si muovono in branchi!

Un battaglione di spermatozoi impiega circa 70 giorni per arrivare a maturazione ma siete discretamente organizzati pure voi, bisogna ammetterlo. Li tenete lungo i tubi in diverse fasi di maturazione, in modo da averne sempre di pronti all’uso. Il ritmo di produzione è quindi costante, circa 100-200 milioni di spermatozoi al giorno. In 12 settimane migrano lungo l’intricato labirinto di tubicini contenuti nei testicoli, come pigri gnu nella savana.

La temperatura perché tutto questo ciclo produttivo avvenga è tassativa: 35 gradi, e per questo vi hanno dotati di un pratico e fresco sacchettino esterno.

Sarà questa diversa gestione del gamete a giustificare il luogo comune che vuole gli uomini a viversela tranquilli con la sensazione di avere ancora davanti a sé tutto il tempo del mondo, e le donne pazze programmatrici con l’acqua alla gola e la sensazione costante di aver sprecato tempo?

Sarà che abbiamo un frigo pieno di mozzarelle in scadenza?

Però c’è da dirlo, raga, che estro. Ai vostri gameti avete aggiunto una coda come elemento di design. Cioè, UNA CODA! Chapeau.

 

“Medico con decennale esperienza dietro al bancone del bar, prepara ottimi cocktail di farmaci. Nata stanca, ha la presa salda della madre, rigira bene le frittate e appena viene verde le suonano il clacson”

Related Posts

Leave a Reply

My New Stories