Marginalia Hero

****¼

Dagli amanuensi agli smanettoni

Marginalia Hero sembra partorito da qualche oscurata mente di “Feudalesimo e Libertà” anche se questo giochino per smartphone è stato sviluppato a New York, ispirato nientemeno che al canzoniere medievale zurighese Codex Manesse che si trova presso l’università tedesca di Heidelberg.

Alla Crescent Moon Games gli sviluppatori hanno persino estrapolato dal prezioso codice miniato quello che è il personaggio del gioco scegliendo, raffigurato al folio 188r, tale Reinmar der Brenneberger, nobile e poeta di cui si può ammirare l’orribile fine per spada e che, a giudicarne la policroma rappresentazione, sembra essersi consumata in un clima tutto sommato festaiolo. Tant’è che l’espressione del nostro, imperturbabile quanto fessa, ci accompagna tale e quale mentre ci battiamo in una sorta di giostra a gironi contro chachettiche creature da bestiario.

Squillino le trombe!

Scopo del gioco è mazzolare uno per uno i nostri bestiali contendenti, del tutto privi di uno scopo superiore. L’interfaccia di gioco è quella di un 2D sottilmente animato con tanto di cartigli e degradati caratteri gotici che sanno immergerci con efficacia nell’atmosfera cavalleresca medievale. Complici dell’effetto globale deliziose flautate monofoniche e ritmi incalzanti di tamburo che accompagnano a miglior vita le sfortunate creature del Signore. Si combatte cliccando non appena un cursore si sovrappone a dei bersagli rotanti. Questa dinamica, benché apparentemente monotona, è poi variamente declinata in ritmo, velocità e visibilità dei bersagli rendendo Marginalia Hero un giochino tanto coinvolgente almeno quanto strambo. Non mancano monete sonanti, upgrade, bonus né challenge e mostri finali per ogni girone (ognuno dei quali pare associato ad una specifica categoria di infelice fauna). L’applicazione è disponibile gratuitamente per sistemi iOS e Android, ma l’eventuale espansione è a pagamento così come lo sono alcuni gadget di potenziamento. Gli ads vengono proposti periodicamente, ma non con l’insostenibile frequenza tipica dei freemium.

De la virtute de lo giuoco

Marginalia Hero è un casual game ovvero uno di quei giochini nati col preciso intento di surrogare le scaccolate in mutande al balcone per raggiungere una pace momentanea. Fra le montagne di giochini esistenti, MH va ricordato per l’impeccabile grafica digital-miniata e la composta iconografia da carte della briscola o già soltanto perchè le ingiustificate mazzate hanno quel suono che ricorda tanto gli schiaffetti che Benny Hill dava sulla testa del nonnetto. Ma madame e messeri, via, non sarebbe stato scomodato l’altissimo valore storico-culturale di un antico codice medievale esistente se questo giuoco, un capolavoro a dir de’ molti (4.4/5 star ed oltre cinquantamila download, da Google Play Store), non fosse anche dei più onesti! Sì, perchè gratificarci con chilometrici palmarès per conseguimenti virtuali o accrescere in noi l’insoddisfazione con evasioni fantastiche dal quotidiano cui dover ritornare è cosa sin troppo facile, abusata e comunque vile.

Marginalia Hero (annotazione marginale, appunto, nella biografia di ciascuno di noi) c’insegna invece che la Morte del tempo dedicatogli è, come all’epoca del povero Reinmar, nostra signora e padrona sine (senza) misericordia.


Se non vedete l’ora di giocarci, ecco i link per scaricare il gioco:

Google Play: https://play.google.com/store/apps/detailsid=com.kebab.marginaliahero&hlit

App Store:
https://apps.apple.com/us/app/marginalia-hero/id1455043968

F.A.R. Fuori corso Annoiato Radicale. Tre iniziali dietro alle quali nascondo malamente una profonda passione per i libri, i gatti e le rime. Sogno di avere un giorno un biglietto da visita così intenso da conquistarci le donne. Unico difetto: non riconosco la separazione dei saperi. Segni particolari: mi piacciono tutti ma preferisco i pesci.

Related Posts

Leave a Reply

My New Stories