Quando Jazz e Hip Hop si incontrano

Il caldo comincia a farsi sentire tra le strade della Grande Mela, infatti ci troviamo nell’aprile del 1989 tra le strade di Brooklyn: DJ Premier (pseudonimo di Christopher Edward Martin) è alle sue prime armi con il campionatore e sta per terminare gli studi quando incontra il neodiplomato Keith Edward Elam, artisticamente noto come Guru (acronimo di Gifted Unlimited Rhymes Universal). Insomma, due ragazzi con due passioni diverse ma appartenenti alla medesima cultura, un vero e proprio maestro del giradischi (DJ Premier) ed un notevole MC (Guru), uniti in un unico gruppo, lo storico ed incredibile duo Gang Starr.

L’acuto orecchio di Premier gli permise, durante gli anni dello studio, di districarsi nel mondo dell’alternative hip hop, dello smooth jazz e del funky, avvicinandosi in particolare all’artista pioniere del cosiddetto acid jazz, Gil Scott-Heron, campionando suoni apparentemente tranquilli classici del jazz e mixandoli con i suoi memorabili scratch ed i “rumori” della natura, andando così a formare il suono che contraddistinguerà i Gang Starr per tutta la loro carriera; Guru, invece, è particolarmente influenzato dalle liriche tipiche dell’old school rap, ergo liriche piuttosto allegre e positive che si sposavano perfettamente con i beats di Premier.

È dunque nel 1989 che esce No More Mr. Nice Guy, l’album di debutto del duo: è un vero e proprio colosso del rap statunitense, osannato dalla critica, il quale però venne tristemente messo in ombra dalle uscite degli album dei Jungle Brothers e dei De La Soul (anch’essi con forti influenze jazz).

È un vero e proprio peccato che quest’album sia stato oscurato: gli influssi di un genere così complicato come il jazz, si sentono in ogni brano, grazie all’innata capacità di Premier di sfruttare al meglio ogni singolo particolare dei suoi sample, dal funky soul R&B degli O’ Jays con Give The People What They Want (campionata dal dj in Premier & The Guru) al puro jazz di Ramsey Lewis con Les Fleur (campionata in Jazz Music).

Perché, però, tutta questa introduzione?

Copertina del disco No More Mr. Nice Guy

Grazie a questo primo esperimento assolutamente ben riuscito, si spiana così la strada che porta al compimento della miglior (secondo il mio modesto punto di vista) opera di Jazz Hip Hop, ovvero la collezione Jazzmatazz, uno dei pochi lavori da solista di Guru, se così si può dire, poiché comunque sempre appoggiato da Premier su molte delle produzioni. La collezione si suddivide in quattro volumi, rispettivamente usciti nel 1993, nel 1995, nel 2000 e nel 2007: in questi 4 pezzi storici dell’Hip Hop, è contenuta la massima espressione di unione del Jazz e del Rap, riunendo i massimi esperti dei due generi e perfettamente iscritti nel contesto dell’album, spaziando da Herbie Hancock (in Timeless, Jazzmatazz, Vol. 3: Streetsoul), ad Erykah Badu (in Plenty, Timeless, Jazzmatazz, Vol. 3: Streetsoul) od ancora a Jamiroquai (in Lost Souls, presenti in Jazzmatazz, Vol. 2: The New Reality), ma anche raggiungendo le sponde europee con l’MC francese MC Solaar (presente in Le Bien, Le Mal, contenuto in Jazzmatazz, Vol. 1). Nonostante la prematura morte (avvenuta nel 2010), Guru è sicuramente riuscito a dar vita ad un progetto che può essere considerato un vero e proprio masterpiece della cultura Hip Hop americana, ahimè sconosciuto da molti; il concetto di versatilità dell’hip hop anche questa volta è preponderante, riuscendo ad unirsi incredibilmente bene ad un genere così sofisticato e di nicchia come il Jazz, facendo così approdare -su produzioni chiaramente Hip Hop- artisti che non avevano mai avuto l’occasione d’avvicinarsi a questa cultura.

[Best of Guru/Gang Starr]

Guru – Le Bien, Le Mal
Guru – Transit Ride
Guru – When You’re Near
Gang Starr – Jazz Thing
Guru – The Traveler
Gang Starr – Jazz Music
Guru – Lost Souls
Guru – Insert A (Mental Relaxation)/Medicine (Ft. Donald Bird, Ini Kamoze)
Guru – Something In The Past
Gang Starr – Premier & The Guru
Gang Starr – Full Clip
Guru – Feel The Music (Prod. by DJ Premier)
Guru – Lifesaver (DJ Premier Remix)
Guru – Hustlin’ Daze (Ft. Donell Jones) (Prod. by DJ Premier)
Guru – Plenty (Ft. Erykah Badu)
Guru – Where’s My Ladies? (Ft. Big Shug) (Prod. by DJ Premier)

Classe 1998, nato a Verona. Studio Storia a Padova, sono un assiduo fumatore e profondo amante della musica (in particolare dell’hip hop), del cinema, della filosofia e di ogni forma d’arte. Ogni tanto mi destreggio al microfono per raccontare ai miei ascoltatori un po’ della mia vita. Sono piuttosto energico, ma qualche volta vengo ahimè fatalmente attratto dalla sciatteria.

Related Posts

Leave a Reply

My New Stories